GIOCHI BIMBO-BIMBA

il gioco prepara ai ruoli della vita, esercitando una funzione sociale. Pensiamo ai giochi di finzione. “io sono il fruttivendolo tu sei il cliente”; oppure “io sono la maestra tu sei il bambino”, per questa immaginazione e con l’esperienza del mondo immagina di essere qualcun altro, si investe di un altro ruolo, assume il modo dell’altro e si mette nei panni dell’altro. Questo permette sin dall’infanzia di comprendere l’altro ruolo entrando nel gioco dell’empatia sociale, di imparare l’altro, di comprenderlo, perché il gioco lo consente. Un tuffo nell’altro nel quale ti immedesimi e che permette di rivestire ruoli sociali di altri, di conoscere gli altri, di interpretarne il ruolo e imparare a socializzare. Socializzare significa sapersi riconoscere, comprendere i compiti e il ruolo di ciascuno, le regole e i linguaggi, le relazioni tra i personaggi interpretati. Un modo bellissimo con cui naturalmente il bambino impara la conoscenza dell’altro, e si mette nella palestra della vita. In questo modo il gioco diventa occasione per uscire da un approccio tolemaico – nel quale io sono al centro del mondo e tutti girano intorno – e assumere una posizione copernicana – in cui sono uno tra tanti -, dall’egocentrismo si passa all’altruismo, riconoscendo l’importanza dell’altro.

Articoli da 1 a 24 di 171 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Griglia  Lista 

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 24 di 171 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Griglia  Lista 

Imposta ordine discendente